La presenza di Maria Santissima insieme a Gesù nel diario di Suor Faustina Kowalska

 

« Scrivi queste parole, figlia Mia, parla al mondo della Mia Misericordia. Che conosca tutta l’umanità la Mia insondabile Misericordia. Questo è un segno per gli ultimi tempi, dopo i quali arriverà il giorno della giustizia. Fintanto che c’è tempo ricorrano alla sorgente della Mia Misericordia, approfittino del Sangue e Acqua scaturiti per loro»,  e ancora: « Bambina Mia, tu sei la Mia delizia;  tu sei il refrigerio del Mio Cuore. Ti concedo tante grazie, quante riesci a reggerne. Ogni volta che vuoi procurarMi una gioia, parla al mondo della Mia grande ed incommensurabile Misericordia ».

Queste ed altre cose rivelò Gesù a Suor Faustina nel diario che le ordinò di scrivere, “La Misericordia Divina nella mia anima”. Gesù spiegò alla Santa la necessità del mondo ricorrere alla sua Misericordia, con il culto ad essa, all’Immagine che le commissionò di dipingere, che lo ritrae con i raggi di sangue ed acqua che escono dal Suo Costato, e alla Coroncina che le dettò per essere recitata ottenendo grazie. Tutto questo affinché il mondo conoscesse e si rivolgesse alla sua “insondabile” ed “infinita” misericordia, prima del suo ritorno come giudice giusto. Ma come la Madonna guidò la Santa nel suo cammino spirituale e di apostolato tramite i suoi scritti? Ecco alcuni estratti dal Diario di Suor Faustina Kowalska. Agli inizi della sua conversione, Gesù le ordina di partire per Varsavia, lasciando tutto, ed ecco come anche la Madonna le sarà sempre vicina:

« Parti immediatamente per Varsavia; là entrerai in convento ». Mi alzai dalla preghiera, andai a casa e sbrigai le cose indispensabili. Come potei, misi al corrente mia sorella di quello che era avvenuto nella mia anima, le chiesi di salutare i genitori e così, con un solo vestito, senza nient’altro, arrivai a Varsavia. Quando scesi dal treno e vidi che ciascuno andava per la sua strada, fui presa dalla paura: che fare? Ove rivolgermi, dal momento che non conoscevo nessuno? E dissi alla Madre di Dio: « Maria, fammi strada, guidami Tu! ». Immediatamente udii dentro di me queste parole: di andare fuori dalla città in un villaggio, dove avrei trovato un alloggio sicuro per la notte. Feci così, e trovai tutto come la Madre di Dio mi aveva detto.

 

Scorsi la Madonna che visitava le anime del purgatorio. Le anime chiamano Maria « Stella del Mare ». Ella reca loro refrigerio.

 

Sento che sono in balia del Dio Giusto e che sono oggetto del Suo sdegno. In quei terribili momenti ho detto a Dio: « O Gesù, che nel Vangelo Ti paragonasti alla più tenera delle madri, ho fiducia nella Tua Parola, poiché Tu sei la verità e la vita. Gesù, confido in Te contro ogni speranza, contro ogni sentimento, che ho nel mio intimo ed è contrario alla speranza. Fa’ di me quello che vuoi; non mi allontanerò da Te, poiché Tu sei la sorgente della mia vita ». Quanto sia tremendo questo tormento dell’anima, lo può capire soltanto chi ha provato su di sé simili momenti. Nella notte mi fece visita la Madonna con in braccio il Bambino Gesù. La mia anima fu piena di gioia e dissi: « O Maria, Madre mia, lo sai quanto terribilmente soffro? ». E la Madonna mi rispose: « Lo so quanto soffri, ma non temere, io partecipo e parteciperò sempre alla tua sofferenza ». Sorrise amabilmente e scomparve. Immediatamente nella mia anima ritornò la forza e tanto coraggio.

 

Durante la S. Messa, prima della S. Comunione, ci fu la rinnovazione dei voti. Quando uscimmo dagli inginocchiatoi e cominciammo a pronunciare la formula dei voti, improvvisamente Gesù si mise accanto a me. Aveva una veste bianca ed una cintura d’oro e mi disse: « Ti concedo eterno amore, affinché la tua purezza sia intatta ed a conferma che non andrai mai soggetta a tentazioni impure ». Gesù si slacciò la cintura d’oro che aveva e con quella cinse i miei fianchi. Da quel momento non ho più provato alcun turbamento contrario alla virtù né nel cuore, né nella mente. Compresi in seguito che questa è una delle più grandi grazie, che mi aveva ottenuto la Santissima Vergine Maria, dato che per questa grazia l’avevo pregata per molti anni. Da allora è aumentata la mia devozione per la Madre di Dio. È Lei che mi ha insegnato ad amare interiormente Iddio e come adempire in tutto la Sua santa volontà. O Maria, Tu sei la gioia, poiché attraverso Te Iddio è sceso in terra e nel mio cuore.

« Io sono non solo la Regina del Cielo, ma anche la Madre della Misericordia e la Madre tua »

Il giorno dell’Immacolata Concezione della Madonna, durante la santa Messa, sentii un fruscio di vesti e vidi la Madre Santissima risplendente e di una bellezza straordinaria. Aveva una veste bianca con una sciarpa azzurra e mi disse: « Mi dai una grande gioia quando adori la SS.ma Trinità per le grazie ed i privilegi che mi ha concesso »

Ad un tratto vidi la Vergine SS.ma col Bambino Gesù ed il Nonno Santo, che era dietro la Madonna. La Madre Santissima mi disse: « Eccoti il Tesoro più prezioso ».

Verso sera, mentre pregavo, la Madonna mi disse: « La vostra vita deve essere simile alla Mia vita: silenziosa e nascosta; essere unite incessantemente a Dio e pregare per l’umanità e preparare il mondo per la seconda venuta di Dio »

Ad un tratto vidi la Madonna che mi disse: « Oh, quanto è cara a Dio l’anima che segue fedelmente l’ispirazione della Sua grazia! Io ho dato al mondo il Salvatore e tu devi parlare al mondo della Sua grande Misericordia e preparare il mondo alla Sua seconda venuta. Egli verrà non come Salvatore misericordioso, ma come Giudice Giusto. Oh, quel giorno sarà tremendo! E’ stato stabilito il giorno della giustizia (cfr. At 17,31), il giorno dell’ira di Dio davanti al quale tremano gli angeli. Parla alle anime di questa grande Misericordia, fino a quando dura il tempo della pietà. Se tu ora taci, in quel giorno tremendo dovrai rispondere di un gran numero di anime. Non aver paura di nulla; sii fedele fino alla fine. Io ti accompagno con la mia tenerezza »

Ad un tratto vidi la Madonna col Bambino Gesù. Il Bambino Gesù teneva la mano della Madonna. In un momento il Bambino Gesù corse gioiosamente nel mezzo dell’altare e la Madonna mi disse: « Guarda con quanta tranquillità affido Gesù nelle sue mani così anche tu devi affidare la tua anima ed essere come una bambina di fronte a lui». Dopo tali parole la mia anima fu ripiena di una misteriosa fiducia.

 

Mentre di seguito, durante i vespri, continuavo ad esaminare questa specie di miscuglio di sofferenze e di grazie, ad un tratto udii la voce della Madonna: «Sappi, figlia Mia, che sebbene Io sia stata innalzata alla dignità di Madre di Dio, sette spade dolorose mi hanno trafitto il cuore. Non far nulla a tua difesa; sopporta tutto con umiltà. Dio stesso prenderà le tue difese».

Ad un tratto vidi la Madonna con una veste bianca, un manto azzurro e col capo scoperto, che dall’altare venne verso di me, mi toccò con le Sue mani, mi copri col Suo manto e mi disse: « Offri questi voti per la Polonia. Prega per essa ».

È impossibile piacere a Dio non facendo la Sua santa volontà. «Figlia Mia, ti raccomando Vivamente di compiere fedelmente tutti i desideri di Dio, poiché questa è la cosa cara ai Suoi occhi. Desidero ardentemente che tu ti distingua in questo, cioè in questa fedeltà, nell’adempiere la volontà di Dio. La volontà di Dio anteponila a tutti i sacrifici ed olocausti».

O Maria, Vergine Immacolata, Puro cristallo per il mio cuore, Tu sei la mia forza, o àncora potente, Tu sei lo scudo e la difesa dei deboli cuori. O Maria, Tu sei pura ed impareggiabile, Vergine e Madre insieme. Tu sei bella come il sole, senza alcuna macchia, Nulla è paragonabile all’immagine della Tua anima. La Tua bellezza ha affascinato il Tre volte Santo, Sceso dal cielo, abbandonando il trono della Sua sede eterna, E prese corpo e sangue dal Tuo cuore, Nascondendosi per nove mesi nel cuore della Vergine. O Madre, o Vergine, nessuno riesce a comprendere che l’immenso Iddio diventa uomo, Solo per amore e per la Sua insondabile Misericordia. Per merito Tuo, o Madre, vivremo con Lui in eterno. O Maria, Vergine Madre e  Porta del cielo, Attraverso Te ci è venuta la salvezza, Ogni grazia sgorga per noi dalle Tue mani E solo la Tua fedele imitazione mi farà santa. O Maria, o Vergine, o Giglio più bello, il Tuo Cuore è stato il primo tabernacolo per Gesù sulla terra, Perché la Tua umiltà è stata la più profonda E per questo sei stata innalzata sopra i cori degli angeli e sul santi. O Maria, dolce Madre mia, Affido a Te l’anima, il corpo ed il mio povero cuore. Sii la Guardiana della mia vita E soprattutto nell’ora della morte, nell’ultima battaglia.

Una volta mi venne a trovare la Madonna. Era triste, aveva gli occhi abbassati verso il suolo, mi fece capire che aveva qualche cosa da dirmi, ma nello stesso tempo si comportava come se non volesse parlarmene. Quando lo compresi, cominciai a pregare la Madonna che me lo dicesse e volgesse lo sguardo verso di me. In un attimo Maria si rivolse a me sorridendo cordialmente e disse: « Dovrai soffrire a causa di una malattia e dei medici. Inoltre avrai sofferenze per quell’immagine. Ma non aver paura di nulla». Il giorno dopo mi ammalai e soffrii molto, proprio come mi aveva detto la Madonna, ma la mia anima è preparata alle sofferenze. La sofferenza è la compagna costante della mia vita. O mio Dio, mia unica speranza, in Te ho posto tutta la mia fiducia e so che non rimarrò delusa.

All’improvviso vidi la Santissima Vergine indicibilmente bella, che dall’altare si avvicinò a me, al Mio inginocchiatoio. Mi strinse a Sé e mi disse queste parole: « Vi sono Madre per l’infinita Misericordia di Dio. L’anima che mi è più cara è quella che compie fedelmente la volontà di Dio ». Mi fece comprendere che ho eseguito fedelmente tutti i desideri di Dio e per questo ho trovato grazia ai Suoi occhi. « Sii coraggiosa; non temere gli ostacoli ingannevoli, ma considera attentamente la Passione di Mio Figlio ed in questo modo vincerai ».

Prima della santa Comunione ho visto la Madre SS.ma di una bellezza inconcepibile. Sorridendomi mi ha detto: «Figlia Mia, per raccomandazione di Dio debbo esserti Madre in modo esclusivo e speciale, ma desidero che anche tu Mi   sia figlia in modo particolare. Desidero, figlia Mia carissima, che ti eserciti in tre virtù, che per Me sono le più care e a Dio le più gradite. La prima è l’umiltà, l’umiltà, e ancora una volta l’umiltà. La seconda virtù è la purezza. La terza virtù è l’amore per Iddio. In qualità di figlia Mia devi risplendere in modo particolare per queste virtù». Dopo che ebbe finito di parlare, mi ha stretto al suo Cuore ed è scomparsa. Quando sono rientrata in me, il mio cuore è stato attratto in modo singolare da quelle virtù e mi esercito fedelmente in esse, che sono come scolpite nel mio cuore.

Ecco come Maria guidò Suor Faustina: nell’umiltà, nella purezza e nell’amore a Dio, in particolare nel compiere la Sua volontà, che la voleva santa, silenziosa e sottomessa al volere di Dio, come Ella fu. Nella salute e nella malattia, accettando tutto e diffondendo il culto della  Misericordia di cui Lei è Madre. Questa Misericordia di Gesù, è una Misericordia che non ha fine, anzi, è destinata particolarmente ai peccatori:
«I più grandi peccatori pongano la loro speranza nella Mia Misericordia. Essi prima degli altri hanno diritto alla fiducia nell’abisso della Mia Misericordia. Figlia Mia, scrivi sulla Mia Misericordia per le anime sofferenti. Mi procurano una grande gioia le anime che si appellano alla Mia Misericordia. A queste anime concedo grazie più di quante ne chiedono. Anche se qualcuno è stato il più grande peccatore, non lo posso punire Se esso si appella alla Mia pietà, ma lo giustifico nella Mia insondabile ed impenetrabile Misericordia. Scrivi: prima che io venga come Giudice giusto, spalanco la porta della Mia Misericordia. Chi non vuole passare attraverso la porta della Misericordia, deve passare attraverso la porta della Mia giustizia».

Fides , , ,

Informazioni su Elisa Pallotta

Elisa Pallotta, giornalista pubblicista ODG Marche, nasce a Fabriano l'8 marzo 1992 è sorella maggiore di sei fratelli, mamma casalinga e papà oculista. Diplomata al Liceo Classico Francesco Stelluti di Fabriano con indirizzo Psico-Pedagogico, dopo 4 anni di Liceo Classico e poi Pedagogico, percorso interrotto e ripreso per motivi di salute, ha collaborato per tre anni con “L'Azione”, giornale diocesano locale, Diocesi Fabriano-Matelica. Scrive poesie e racconti, alcuni pubblicati sul sito di scrittura creativa 20lines https://it.20lines.com/elysees. Alcune sue poesie sono pubblicate sul giornale online Attualita.it (Attualita.it https://www.facebook.com/Attualitait-471734346200302/) ed ha collaborato con qualche articolo sul sito d'informazione marchigiano "Il Borghigiano": http://borgofabriano.altervista.org/gli-orrori-della-guerra-storia-di-un-soldato-trai-lager-diberlino- e-dachau/. Vince nel marzo 2013 la XVII Rassegna Nazionale di Poesia e Narrativa “Anna Malfaiera”, della Città di Fabriano, con il componimento “Patria”. Vince nel marzo 2014 il Concorso “Tra un fiore colto e l’altro donato”, bandito dalla Aletti Editore, e la poesia “Non ti lascerò mai” sarà pubblicata all'interno del libro "Tra un fiore colto e l’altro donato – volume XI", edito nella seconda metà di Ottobre 2014. Pubblica nel giugno 2013 presso la casa editrice Vertigo, la silloge di poesie "Libertà" (http://www.mondadoristore.it/Liberta-Elisa-Pallotta/eai978886206152/) e nel marzo 2014 alcune poesie in un'antologia poetica, "Impronte", per la casa editrice Pagine. Vince il 6° Concorso Internazionale di Poesia Inedita - Il Federiciano, di Rocca Imperiale, con la poesia "L'albero della vita", che verrà pubblicata in un'antologia poetica in agosto 2014. Firma un altro contratto di pubblicazione con la casa editrice "Aletti", con la quale pubblicherà la silloge "Cantici", a novembre 2014 (http://www.alettieditore.it/emersi/2014/pallottae.html) . Esperienza come rappresentante, receptionist e volontaria presso la parrocchia di San Giuseppe Lavoratore come aiuto compiti e catechista, lo stesso catechista alla parrocchia di Solomeo (Corciano) per poco tempo, partecipa tra i 20 finalisti al progetto CEI "In un altro mondo", con workshop di 24 ore. Volontaria anche come Servizio Civile per tre mesi presso la Casa tra le nuvole a Marischio, Papa Giovanni XXIII, Fabriano (AN). Frequentava il Cammino Neocatecumenale con i suoi genitori per poi avvicinarsi personalmente alla vita di gruppo e ai meeting del RnS di Fabriano, gruppo "Maria di Nazareth". Dopo una collaborazione biennale con il giornale diocesano "L'Azione", si iscrive all'albo dei giornalisti come pubblicista nel marzo 2017. Iscritta all'Università degli studi di Perugia in Filosofia e Scienze e Tecniche Psicologiche, indirizzo psicologico. Apre in collaborazione con il giornalista pubblicista Francesco Gnagni un blog cattolico: https://www.yerushalayim.it/

Precedente Tecnologia, roboetica, il futuro dell’uomo e quello di Dio. Intervista al teologo Agius Successivo Ciclo di racconti brevi: sillabari. Sbadiglio