Gesù, la vite è per noi fonte di vita, gioia ed amore

Cristian Nencioni, speaker, blogger, web designer e fumettista cattolico, ci offre con questo fumetto, che è in sè una parabola ed una poesia. Ilfiorentinoparlante

https://www.facebook.com/cristiannencionilab/

Gesù è la vite, e noi i tralci. Ma non solo: Lui, la fonte della vita, e noi i tralci da cui il Dio Padre coglierà i frutti. Da qui la parabola della vite: chi rimane nell’amore di Dio e rispetterà i suoi comandi, non sarà tagliato via perchè avrà fruttificato. Si ricollega anche alla parabola dei talenti, per cui occorre investire, con buona volontà, le proprie capacità, per renderne altrettante a Chi ce le ha date. Ma soprattutto, Gesù ha la mano sul cuore, un cuore da cui esce una fiamma che dice: io sono l’Amore. Io la gioia, io la felicità. Il vino, nella Bibbia, viene spesso citato come gioia e letizia del cuore umano:

Qo 9,7 Su, mangia con gioia il tuo pane
e bevi il tuo vino con cuore lieto,
perché Dio ha già gradito le tue opere.

Qo 10,19 Per stare lieti si fanno banchetti
e il vino allieta la vita,
ma il denaro risponde a ogni esigenza.

Ct 1,2 Mi baci con i baci della sua bocca!
Sì, migliore del vino è il tuo amore.

Ct 1,4 Trascinami con te, corriamo!
M’introduca il re nelle sue stanze:
gioiremo e ci rallegreremo di te,
ricorderemo il tuo amore più del vino.
A ragione di te ci si innamora!

Ct 2,4 Mi ha introdotto nella cella del vino
e il suo vessillo su di me è amore.

Ct 4,10 Quanto è soave il tuo amore,
sorella mia, mia sposa,
quanto più inebriante del vino è il tuo amore,
e il profumo dei tuoi unguenti, più di ogni balsamo.

Ct 5,1 Sono venuto nel mio giardino, sorella mia, mia sposa,
e raccolgo la mia mirra e il mio balsamo;
mangio il mio favo e il mio miele,
bevo il mio vino e il mio latte.
Mangiate, amici, bevete;
inebriatevi d’amore.

Bibbia.net

Gesù è dunque sia la nostra fonte di vita, di gioia e di amore, proprio per questo Egli dice “senza di me non potete fare niente”. Se fossimo disinnestati dalla vite, saremmo solo utili ad essere buttati nel fuoco. Gesù non vuole questo, e ci indica come fruttificare senza rimanere tralci sterili: ascoltare la Sua Parola, farla germogliare nel nostro cuore per metterla in pratica.